Caffè

In che modo la caffeina influisce sui bambini?

Impariamo a conoscere gli effetti della caffeina sui bambini attraverso questo breve articolo, perché sorprendentemente in molte parti del mondo e in molti settori della società si stanno ancora chiedendo se i bambini possono bere il caffè ea che età potrebbero iniziare a farlo.

È chiaro che il caffè è una delle bevande naturali più consumate e apprezzate al mondo, e ha molte proprietà benefiche comprovate… ma questo non significa che i bambini possano bere il caffè. E attraverso queste righe sapremo perché.

Insomma, speriamo che dopo aver letto questo breve rapporto vengano fugati tutti i vostri dubbi sul fatto che i bambini possano bere caffeina.

Ma allora… i bambini possono assumere caffeina?

Bene, questo è come tutto. Per procura, possono, ma non è raccomandato. Bevono anche Coca-Cola prima del dovuto, e continuano lì.

Il motivo per cui i bambini non possono bere il caffè è che la caffeina, se assunta in eccesso, ha numerosi effetti collaterali, tutti noti (nervosismo, irritabilità, insonnia, battito cardiaco accelerato…). E questi effetti, nel caso dei bambini, si verificano con una dose molto inferiore, poiché il loro corpo e la loro massa sono molto inferiori a quelli di un adulto. Questo è anche il motivo per cui è sconsigliato bere caffè durante la gravidanza.

E, d’altra parte, gli effetti positivi del caffè non hanno alcun senso se li applichiamo ai bambini piccoli, la cui occupazione principale nel mondo dovrebbe essere quella di giocare e interagire con i loro coetanei.

In breve: i vantaggi del caffè non sono dati ai bambini, ei suoi svantaggi si manifesteranno con una forza molto maggiore che negli adulti. Questo è il motivo principale per cui i bambini non dovrebbero bere caffè.

E no, il caffè decaffeinato non vale nemmeno un bambino perché, anche se in piccole quantità, questa versione contiene anche caffeina. Scoprilo qui: quanta caffeina contiene il caffè decaffeinato?

I benefici riconosciuti del caffè sono applicabili solo se assunto a dosi moderate e negli adulti. Quelle stesse dosi, in un bambino, possono avere conseguenze indesiderabili.

A che età i bambini possono iniziare a bere il caffè?

Innanzitutto bisogna chiarire che non è obbligatorio bere il caffè, tutt’altro. Molti adulti crescono senza aver provato il caffè e non succede nulla.

Ebbene, per sapere a che età si può iniziare a bere il caffè non esiste una regola unica. Normalmente dipende dal peso e dalla caffeina che già consumano presente in altri tipi di alimenti. Di solito non c’è fretta di iniziare a bere il caffè: più tardi è meglio è. E idealmente, quando sono adulti.

E… In che modo la caffeina influisce sugli adolescenti?

Il caffè, purtroppo, è diventato molto popolare come bevanda «energetica» nel settore studentesco per trattenere il sonno e prolungare la concentrazione in quelle lunghe notti di studio nei giorni che precedono un esame.

Non neghiamo che questa tecnica possa essere di aiuto specifico per alcuni studenti, ma il problema è che viene presa come un’abitudine. Gli adolescenti, sebbene abbiano già più corpo e resistenza di un bambino, non sono ancora adulti. Pertanto, gli effetti negativi derivanti dall’eccesso di caffè possono essere notati in misura maggiore rispetto agli adulti. Inoltre, non dimentichiamo che anche gli adolescenti non hanno l’età minima appropriata e desiderabile per bere caffè frequentemente.

Ma c’è un’altra conseguenza ancora peggiore: possono sviluppare una tolleranza al caffè più velocemente del normale – se lo consumano spesso – che farà sì che debbano prenderlo in quantità maggiori per vedere i suoi benefici. Un circolo vizioso che non può finire bene in così tenera età.

L’idea è diffusa che i ragazzi adolescenti tollerino il caffè meglio delle ragazze, o almeno potrebbero iniziare a consumarlo in giovane età. Questo può essere parzialmente vero, ma perché la tolleranza alla caffeina è solitamente una funzione del peso di una persona, non del suo sesso (ovviamente). E il peso può essere statisticamente più alto nei giovani uomini che nelle donne.

E non dimentichiamo che, nel caso degli adolescenti, alla quantità di caffeina del caffè va aggiunta quella della cola, del cioccolato e degli altri alimenti che questi giovani consumano abitualmente in grandi quantità.

Regola empirica per calibrare l’effetto della caffeina sugli adolescenti

In caso di dubbio, attenersi a questa regola pratica di base: i giovani adolescenti non dovrebbero assumere più di 2,5 milligrammi di caffeina per ogni libbra di peso corporeo. Una tazza può contenere in media circa 90-100 milligrammi di caffeina (può essere più o meno, perché varia molto a seconda del tipo di chicco di caffè e della sua preparazione), quindi fate i vostri calcoli.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.