Caffè

Cos’è un caffè espresso?

In Italia siamo abituati a bere il caffè da soli, e di solito conosciamo con questo nome qualsiasi preparazione con caffè senza latte. Per estensione, a volte confondiamo la denominazione di espresso con il caffè solo italiano. Grande errore, amici! Il caffè può avere solo vari punti di forza, varie dimensioni (lungo, corto), c’è chi lo beve con o senza zucchero… e poco meno di quanto pensiamo possa essere preparato in qualsiasi modo. Il caffè da solo è caffè senza nient’altro nella tazza, solo il caffè infuso e l’acqua. Ma… cos’è un espresso? Ebbene, un’elaborazione molto diversa, fatta a condizioni certe e parametrizzate.

Molti credono di sapere cos’è l’espresso, ma pochi riescono davvero a specificarlo esattamente. E il fatto è che l’espresso, cari lettori, è un simbolo in Italia. Tant’è che esiste persino un’organizzazione pensata per definire, preservare e diffondere le precise condizioni e qualità di un autentico caffè espresso: l’ Instituto Nazionale Espresso Italiano.  E più di un collega italiano ci metterebbe il collo e ci chiamerebbe bestemmiatori se sapesse cosa intendiamo per caffè espresso.

Cos’è il caffè espresso?

Il caffè espresso certificato si ottiene come segue:

  • Viene utilizzata una macchina per caffè espresso.
  • Dose caffè: 7 grammi.
  • Temperatura dell’acqua in uscita: 88 ° C.
  • Temperatura del caffè espresso in tazza: 67 ºC.
  • Pressione ingresso acqua: 9 bar.
  • Tempo di erogazione o percolazione: 25 secondi.
  • Dimensione del caffè in tazza: 25 millilitri.

Sono ammessi leggeri margini di variazione di questi valori, ma dobbiamo attenerci a queste cifre.

Se ti chiedi perché la maggior parte delle macchine da caffè per uso domestico ha 15 o anche 19 bar, se ne bastano 9 per estrarre un vero espresso, potresti essere interessato a leggere il nostro articolo A cosa servono le barre di pressione?

In termini di aspetto e gusto, il vero espresso ha uno strato di crema di nocciola scura in cima. Dovrebbe essere uno strato denso e molto uniforme, senza bolle. L’aroma è molto intenso, e il sapore permane al palato anche diversi minuti dopo l’assunzione. E molto importante: non ha note astringenti.

Questo qui sotto sarebbe uno sguardo piuttosto approssimativo a un espresso certificato. Non possiamo sapere se la caffetteria dove è stata scattata la foto abbia la certificazione ufficiale, ma notate il colore della crema, le dimensioni della tazza e l’assenza di bolle nella crema.

Oltre al semplice caffè espresso, possiamo modificare le proporzioni di due grandezze dell’espresso tradizionale: intensità e lunghezza (o dimensione).

  • Intensità espresso: si riferisce alla dose di caffè macinato utilizzata nell’estrazione. La dose normale come abbiamo visto è di 7 grammi, ma potete fare un doppio o un triplo (rispettivamente 14 e 21 grammi).
  • Lunghezza: la dimensione del caffè, che può variare da 25-30 ml di espresso normale a 50 o 60 di un espresso doppio o lungo, passando per i 15 del ristretto.

… E a proposito: un ristretto non è la stessa cosa di un espresso. Leggi il nostro articolo se non vuoi cadere in questo errore.

E ora che sai  cos’è un espresso, vediamo alcune varianti e dubbi comuni su questa preparazione:

Cos’è un espresso tagliato?

In Italia lo chiamano espresso macchiato, ed è un espresso con un po ‘di latte in cima.

Cos’è un doppio espresso?

È un doppio, di cui abbiamo già parlato prima. Un caffè espresso con il doppio delle dimensioni (50 ml) realizzato con una doppia dose (14 grammi di caffè macinato).

Cos’è un espresso lungo?

Un espresso con la stessa dose di caffè (7 grammi) e circa il doppio delle dimensioni (50 ml).

Come si beve un espresso in Italia?

In un sorso, di solito non zuccherato, e in piedi sul bancone del bar. E a proposito, in Italia chiedi un caffè, non un espresso.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.