Caffè

Cos’è la preinfusione

Il sistema di pre-infusione, o pre-infusione, è un processo sempre più diffuso nelle macchine da caffè espresso. Cos’è la preinfusione? Ebbene, in pratica, nell’applicare l’acqua calda per pochi secondi sul caffè macinato, ad una pressione molto inferiore a quella che verrà poi effettuata per estrarre l’espresso. Dopo la preinfusione, il caffè sarà leggermente inumidito e sarà leggermente aumentato di dimensione.

La preinfusione non è altro che un aiuto per ottenere una perfetta estrazione dell’espresso. E ha poca o nessuna utilità se tutto il processo precedente (molatura, pressatura) è stato eseguito correttamente.

Per quest’ultimo motivo, molti baristi professionisti discutono se fare o meno la preinfusione prima di estrarre l’espresso. Nell’ambiente domestico, osiamo assicurare che la preinfusione è molto utile in quasi tutte le situazioni. Non sorprende che la maggior parte delle caffettiere professionali o dell’ospitalità non abbia questa opzione (possiamo fare una preinfusione, ma manualmente). Eppure la maggior parte delle moderne macchine per caffè espresso ha funzioni di preinfusione integrate.

A cosa serve la preinfusione?

Fondamentale per raggiungere due obiettivi: primo, grazie alla preinfusione, il caffè macinato nel filtro si bagna o si mette a mollo per breve tempo. Abbastanza per omogeneizzare il caffè ed evitare differenze di pressione, volume o piccole camere d’aria che possono influire sul risultato finale. È, in modo che ci capiamo, un modo per nascondere piccoli difetti o irregolarità del lettino.

Il secondo obiettivo principale di fare una preinfusione è che il filtro del caffè macinato offra quindi una resistenza molto maggiore al passaggio dell’acqua a piena pressione (intorno ai 9 bar, se tutto è corretto). Questa maggiore resistenza all’acqua dovrebbe portare a una migliore estrazione degli aromi, dei sapori e delle sfumature del caffè tostato. In teoria, la maggiore resistenza alla pressione aiuta anche il caffè a uscire con più crema.

Come viene realizzata la preinfusione?

Esistono diversi modi per preparare una preinfusione sul nostro caffè macinato.

Alcune macchine da caffè consentono la preinfusione manuale (aprendo brevemente il rubinetto dell’acqua, chiudendolo dopo alcuni secondi e quindi attivando la normale estrazione dell’espresso). Da sottolineare inoltre che, sebbene negli ultimi tempi i sistemi di preinfusione siano principalmente associati alle macchine espresso, la preinfusione è un processo praticabile in qualsiasi tipo di macchina da caffè.

Continuiamo con più casi:  le macchine da caffè automatiche, ad esempio, di solito fanno la preinfusione automaticamente perché hanno bisogno del filtro per non intasarsi, e tendono anche a macinare leggermente più grossolanamente rispetto a se si utilizza un macinacaffè separato, specifico per l’espresso. Il Miele CM 6310  è un buon esempio di questo segmento.

Altre macchine espresso manuali (come la Rancilio Silvia, la Graef ES 85  o la Severin KA 5991) hanno semplicemente un’opzione che attiva o disattiva la preinfusione, e altre vanno oltre e consentono di manipolare e alterare varie variabili con cui giocare vari tipi di preinfusione.

È necessaria la preinfusione?

No, tutt’altro. Abbiamo già visto che un sistema di preinfusione mira ad estrarre più aromi e sfumature dalle fave macinate. Le caffettiere da molti anni non utilizzano sistemi di preinfusione e non è mai successo niente, il loro caffè è rimasto ottimo.

La preinfusione deve essere vista come un metodo aggiuntivo o aggiuntivo per ottenere sapori più intensi. Anche come aiuto: è un processo che può aiutarci quando ci sono problemi di lacune, differenze di densità o camere d’aria nel letto di caffè macinato, e che non danneggia o ha alcun effetto nel resto del caffè. casi.

Ma non possiamo mai considerare la preinfusione come il modo standard di preparare il caffè, né come una qualità che causa grandi differenze, come pubblicizzato da molti marchi e molti modelli di caffettiere. Infatti, come dicevamo all’inizio, se gli spessori di macinatura e pressatura sono perfetti, e prossimi alla perfezione, il processo di preinfusione non andrà a buon fine.

Utile sì, mai necessario.

Quanto dura la preinfusione?

Questa è una domanda a cui è impossibile rispondere. Non commettere l’errore di farti guidare da testimonianze che leggi da altri utenti, perché il tempo di preinfusione ideale sarà determinato da una moltitudine di fattori. Il tempo di preinfusione dipende, ad esempio, dal tipo di caffè che utilizziamo, dalla temperatura o dal peso della dose.

Il miglior consiglio che possiamo darti è quello di stabilire chiaramente la tua dose e la tua temperatura ideale per preparare un espresso. Quando sei chiaro su questi due fattori, allora è il momento di sperimentare.

Effettua estrazioni diverse con diversi tempi di preinfusione (non meno di 2 secondi e non più di 8-10 secondi), assaggia i caffè che ne derivano, prendi appunti… e sii paziente per trarre conclusioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.