Caffè

Tipi di caffè

Sappiamo tutti che esistono diversi tipi di caffè, ma… sappiamo davvero quali e quanti tipi di caffè possiamo trovare? Quali sono i tipi di caffè più comuni preparati in Italia? Alla domanda è più difficile rispondere di quanto sembri, poiché il tipo di caffè dipende a sua volta dal tipo di categorizzazione che vogliamo stabilire.

Quindi, in questo articolo raccogliamo i diversi modi di ordinare il caffè e classificarlo. Vedremo anche quali sono le tipologie di caffè più famose che esistono nel mondo, occupandoci di ognuna di esse. E anche così, di sicuro non possiamo coprirli tutti

Tipi di chicchi di caffè

Esistono principalmente due tipi di chicchi di caffè: robusta e arabica. Quasi tutti i caffè del mondo sono ottenuti da una di queste due varietà, oppure mescolando entrambe in proporzioni diverse. Tuttavia, ci sono altre varietà minoritarie e più sconosciute: conosci tutti i tipi di chicchi di caffè.

Le differenze tra caffè robusta e arabica sono evidenti:

Tipi di caffè: chicchi di caffè robusta

Il caffè Robusta è originario dell’Africa centrale. Cresce nelle regioni aride, quindi è meno digestivo e ha un retrogusto più amaro dell’Arabica. Ha una concentrazione di caffeina molto più alta. Per tutti questi motivi, il caffè robusta è generalmente considerato (sebbene questa sia un’affermazione un po ‘leggera) di «qualità peggiore» rispetto all’arabica. Di conseguenza, è anche più economico.

Tipi di caffè: chicchi di caffè Arabica

Il caffè Arabica proviene dall’Etiopia (anche se non viene coltivato esclusivamente qui, ovviamente), e contiene molta meno caffeina della robusta. È più digestivo, più aromatico e in un certo senso anche più morbido. E sì, in realtà è anche più costoso.

Ora che conosci le differenze tra caffè Arabica e Robusta, puoi acquistare la materia prima con maggiore consapevolezza dei fatti. Se sei interessato a una varietà specifica o vuoi conoscere alcuni dei migliori caffè al mondo, non dimenticare di visitare un coffee shop in grani.

Tipi di caffè in Italia secondo Roast

Una grande differenza che abbiamo nel nostro paese in termini di tipologie di caffè è la torrefazione. Nella maggior parte dei paesi del mondo conoscono solo caffè naturale e non c’è un dibattito del genere, ma in Italia (e in alcune regioni limitrofe) esistono ancora caffè tostato e caffè misto.

Se vuoi approfondire le differenze, ti consigliamo di leggere l’articolo che dedichiamo esclusivamente a questo argomento:  Caffè Torrefacto o Naturale?

Tipi di caffè secondo la preparazione

Esistono numerosi modi per preparare il caffè e per servirlo. Si può ordinare un caffè nero o un espresso come quello vecchio, ma quando si vuole aggiungere il latte (o la schiuma di latte) si apre una gamma così vasta di opzioni, e anche con nomi diversi a seconda della posizione geografica, il che è facile essere perso.

Per questo motivo la preparazione di specialità di caffè dà luogo ad un’ampia categorizzazione, che possiamo riassumere nelle seguenti  tipologie di caffè preparati:

Caffè espresso

L’ espresso o il caffè si prendono solo senza latte e in molti casi senza zucchero (questo è a gusto del consumatore). Non confondere il caffè nero con l’autentico espresso italiano, che ha le sue caratteristiche esattamente definite dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano:

  • Estrazione di 25 millilitri di caffè.
  • Una dose di 7,5 grammi di caffè macinato.
  • Estrazione a 9 bar di pressione.
  • Temperatura dell’acqua: 90ºC-95ºC.
  • Tempo di percolazione: 25 secondi.

Qualsiasi caffè che non soddisfa queste caratteristiche può essere chiamato caffè singolo, ma non sarà esso stesso un espresso.

C’è anche la variazione del caffè lungo, o caffè lungo (un espresso di volume maggiore di quei 25 millilitri), o del doppio, che come suggerisce il nome è un doppio espresso (il doppio della quantità di acqua, e anche la doppia dose: 14 grammi di caffè).

Ristretto

Il ristretto viene estratto con le stesse caratteristiche dell’espresso, ma solo per 15-20 secondi. Contiene appena 15 ml di bevanda (che equivalgono a un sorso), e trova la sua ragione d’essere nel fatto che in questi primi secondi di estrazione dell’espresso si concentrano i sapori e gli aromi più puri della materia prima.

Caffè americano

Il caffè americano è un espresso fatto con acqua calda. Per questo è una bevanda molto più abbondante, e anche più morbida, di qualsiasi altro singolo caffè. La quantità di acqua calda nel caffè americano dipende dal gusto del consumatore.

Tagliare il caffè

Il Cortado è un caffè espresso o nero, sul quale viene servita una spruzzata di latte. Ha molto meno latte, e anche dimensioni più piccole, del caffè con latte.

Caffèlatte

Café Latte, in Italia, o semplicemente Latte per gli anglosassoni. Questo è forse il caffè più popolare e conosciuto in Italia. Idealmente è servito in una tazza grande, mescolando il 50% di caffè nero e latte. In pratica, la quantità di latte varia a seconda del gusto del consumatore. Si può arrivare a bere «caffè molto corto», che in alcuni luoghi viene anche chiamato » caffè macchiato » o » latte macchiato «.

Latte Macchiato

La traduzione letterale in italiano è «latte macchiato», ma questo caffè non ha nulla a che fare con ciò che è conosciuto e servito come latte macchiato in Italia. Il latte macchiato è un grande bicchiere di latte sul quale viene servito un espresso. Si consiglia di montare la parte superiore del latte prima di servirvi sopra l’espresso, in modo che si possa formare il caratteristico pizzo tricolore di questo caffè.

Cappuccino

Tecnicamente è un caffè espresso, sul quale viene servito uno strato di schiuma di latte, e viene cosparso di cioccolato in polvere. Anche se in alcuni bar l’invenzione è perversa e sostituiscono il caffè con il latte con molta panna, cannella… e mostruosità simili.

Puoi anche ordinare un  cappuccino secco (con pochissimo latte) o un cappuccino umido (con molto più latte del normale).

Se vuoi saperne di più sulle qualità di un buon cappuccino, e soprattutto sulle differenze tra cappuccino e latte macchiato, ti consigliamo di leggere questo articolo: Che differenza c’è tra un cappuccino e  un latte macchiato?

Carajillo

Il carajillo è tipico della Italia, che di solito viene chiesto (prima più che adesso) al mattino per ricaricarsi. Non è altro che un espresso o un caffè nero, a cui si aggiunge un getto di qualche bevanda alcolica ad alta gradazione. Di solito brandy, rum, vinaccia o anice.

Mocha o Moka

Questo caffè moka è il risultato della sostituzione, in un latte, del latte al cioccolato (o sciroppo di cioccolato). Il rapporto ideale è del 50% per ogni ingrediente.

Bonbon caffè

È un caffè tagliato in cui il latte viene sostituito da latte condensato. Molto più morbido e con una consistenza diversa rispetto al taglio tradizionale. Va servito in un bicchiere trasparente, per apprezzare i due strati perfettamente definiti (il latte condensato è molto più denso, e dovrebbe essere sul fondo del contenitore).

Bianco uniforme

Il Flat White è un latte dall’Australia o dalla Nuova Zelanda è chiaro – non per autore che il suo è anche popolare nel Regno Unito (non tanto in Italia). Viene servito sopra una o due dosi di espresso (su questo punto si discute molto), su cui viene servito uno strato di crema di latte. Non schiuma, come il cappuccino, ma panna. Si differenzia dal caffè con latte in quanto nel Flat White il caffè predomina nella bevanda totale.

Il risultato è un caffè con meno aria, più setoso del cappuccino e con un sapore e una consistenza diversi dal latte tradizionale.

NOTA: questa infografica è solo una delle tante guide di riferimento che puoi trovare sul web. È impossibile trovare un consenso globale e accettato a livello mondiale sui diversi tipi di caffè e sui modi per ordinare il caffè in ogni luogo.

Tipi di caffè secondo la sua infusione

Anche il modo in cui il caffè viene infuso (cioè come i chicchi di caffè vengono bagnati con l’acqua) determina in modo critico il tipo di caffè di cui stiamo parlando. Ad esempio, la maggior parte delle specialità o preparazioni di caffè sono fatte con caffè espresso, ma… c’è di più.

Caffè espresso

Il caffè espresso si ottiene filtrando la materia prima con acqua calda, ad una certa pressione. A tale scopo vengono utilizzate macchine da caffè con differenti sistemi di estrazione e con differenti pressioni, come macchine da caffè espresso manuali, macchine da caffè moka o macchine da caffè filtro.

Alcune di queste macchine da caffè utilizzano una tecnica chiamata pre-infusione, che serve ad estrarre molte più sfumature e aromi dal nostro caffè. Vuoi sapere di più? Leggi qui: Cos’è la preinfusione?

caffè turco

Il caffè turco non perde: sii chiaro prima di provarlo. È un caffè dalla macinatura molto fine, che viene servito sopra l’acqua bollente e subisce diversi processi di ebollizione-raffreddamento. Tutto molto fatto a mano e molto rituale. E soprattutto… non agitarlo prima di berlo!

Insomma, tutto quello che c’è da sapere sul caffè turco è raccontato da Manu Mateos in prima persona in questo interessantissimo articolo: Cos’è il caffè turco?

Caffè istantaneo

Il noto caffè solubile, fatto per sciogliersi direttamente in qualsiasi liquido (solitamente latte o acqua). I suoi vantaggi sono ben noti a tutti: si prepara facilmente e molto, molto rapidamente. Ideale per determinate situazioni, anche se ovviamente non ha le stesse qualità di un caffè adeguatamente infuso.

Tipi di caffè a Malaga

Oltre ai molti tipi di caffè in Italia, c’è una città che ha il suo vocabolario e le sue regole per ordinare il caffè, a seconda della proporzione di caffè e latte che vogliamo bere. Stiamo parlando, ovviamente, di Malaga, e la storia è curiosa.

Torniamo al famoso caffè Café Central di Malaga e al dopoguerra italiano, negli anni ’40 del XX secolo. A causa dei numerosi errori dei suoi dipendenti nel servire il caffè e per evitare di sprecare una materia prima così preziosa in tempi di tale scarsità, il proprietario D.José Prado Crespo ha avuto l’idea di creare un poster con 9 diversi tipi di caffè. café, ognuno con il suo nome specifico, in modo che tutti (clienti e dipendenti) possano utilizzare la stessa guida di riferimento.

E quella che era iniziata come una consuetudine pratica, negli anni si è diffusa nel resto della provincia di Malaga fino a diventare una vera icona e tratto identitario della città. Questa è la carta originale in cui si riflettono i diversi modi di ordinare un caffè a Malaga.

Nel caso in cui non chiarisci con il mosaico di questa caffetteria unica, qui ti lasciamo esattamente le proporzioni di ogni tipo di caffè a Malaga. Ricorda che queste denominazioni sono valide solo a Malaga!

  • Solo: 100% caffè
  • Lunghezza:  90% caffè 10% latte
  • Semi-lungo: 80% solo caffè.
  • Solocorto  60% solo caffè.
  • Metà: 50% caffè e 50% latte.
  • Entrecorto:  40% caffè, 60% latte.
  • Breve:  30% caffè, 70% latte.
  • Tonalità:  20% caffè, 80% latte
  • Nuvola:  10% caffè, 90% latte.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.