Caffè

Perché mi inviti al caffè se quello che vuoi è il sesso?

Ricardo Ojalvo è il redattore capo del portale  Cocina.es, e un eminente blogger capace di dare a tutti i suoi scritti un aroma genuino e inconfondibile. Oggi condivide con noi parte della sua scintilla e ci racconta la sua particolare visione del caffè e le sue implicazioni nella nobile arte del… sì, di quello.

Bere un caffè in privacy per piacere ed essere invitati a prendere un caffè sono due cose molto diverse. La differenza sta nell’intenzione, svelando nel secondo dei casi l’enorme potenziale simbolico di questa bevanda.

In altre parole, se bere un caffè da solo è un atto di compiacenza, essere invitati può implicare una miriade di significati nascosti perfettamente compresi dal mittente e dal destinatario, che elevano il caffè alla categoria del linguaggio non verbale e mettono in risalto i molteplici significati psicosociali aspetti che ruotano attorno a questa bevanda.

Appena ci penserai, ti accorgerai del richiamo sottostante ai fondi di caffè che il direttore della tua banca ti ha offerto quando ha voluto proporre il rinnovo del tuo mutuo ipotecario, che hai preso per gentile concessione di quella simpatica venditrice di aspirapolvere, oppure del caffè intensamente aromatico con cui ti hanno ingannato in quel colloquio di lavoro per finire a vendere un’assicurazione porta a porta senza contratto.

Al contrario, ammettilo, hai anche preferito invitare un caffè invece di dire al tuo collega dall’ufficio in anticipo che dovevi cambiare i suoi giorni di vacanza per i tuoi, invece di chiedere direttamente al tuo vicino di prendersi cura delle tue pentole e dei tuoi quattro gatti durante la tua assenza, o invece di chiedere all’improvviso al tuo capo un aumento di stipendio.

No, quando vogliamo portare qualcuno nella nostra terra, non lo invitiamo per un succo di frutta, o una cioccolata calda, o un infuso di erbe, o horchata, ecc.; Ti invitiamo al caffè senza pensarci, utilizzando un cliché globalmente accettato e riconosciuto, perché il caffè si è affermato in una manciata di secoli come bevanda mistica universale con un potenziale conciliante, pacificante, ingannevole e seducente, allo stesso livello del no altro. Non chiediamo «vuoi comprare la moto?» , ma “vuoi prendere un caffè? «; Non diciamo «vieni a vedere la mia meravigliosa casa», ma «vieni tardi per un caffè» ; Non suggeriamo a nessuno «se sei interessato a incontrarci»Preferiamo invitarti a prendere un caffè in privacy.

Ma tra tutte le motivazioni che ci spingono a invitare gli altri al caffè, il sesso è senza dubbio il più eccitante. Mai detto meglio.

Ricordo di aver visto la stessa situazione in dozzine di serie e film Yankee: entrambi sono arrivati ​​al suo portale dopo un perfetto primo appuntamento, e dopo alcuni momenti di tesa freddezza, ha dato il suo verdetto sotto forma di un bacio sulla guancia (di nuovo Sarà) o una proposta ferma di salire a prendere un caffè. Caffè? Sì, caffè.

Non si conoscono mai i dettagli: se il caffè veniva preso da solo o con latte, lungo o corto, tagliato o macchiato, naturale o decaffeinato, con macinatura manuale o con macinino, a piccoli sorsi o tutto d’un fiato, ecc. Non l’abbiamo scoperto, perché gli americani sono molto loro a seconda delle cose, ma tutti sanno che nella finzione e nella vita reale, quando una ragazza dice il caffè, in realtà sta pensando a una notte perfetta piena di baci, sussurri, tenerezza, sesso e una lunga conversazione; e che quando un ragazzo ascolta il caffè, l’unica cosa che gli passa per la mente è… il caffè.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.