Caffè

Cos’è un filtro pressurizzato?

Sicuramente più di una volta ti sei imbattuto nel termine filtro pressurizzato mentre stavi cercando informazioni su una caffettiera, o semplicemente leggendo per saperne di più sul tuo hobby preferito (che siamo sicuri sia fare il caffè, giusto?).

Comunque sia, filtri pressurizzati e portafiltri sono concetti che non tutti gli utenti conoscono… anche molti li usano quotidianamente nelle loro macchine da caffè senza saperlo. Attraverso questo articolo vogliamo fare un po ‘di luce su questo argomento, spiegare cos’è esattamente un filtro pressurizzato, a cosa serve e quali sono i suoi vantaggi e svantaggi. Come vedrai più avanti, c’è un intero dibattito sull’opportunità o meno di usarli nelle macchine da caffè domestiche.

Filtro pressurizzato: definizione

Per iniziare, il concetto di filtro pressurizzato deve essere contestualizzato . È un dispositivo che viene utilizzato solo in alcune macchine da caffè espresso. Se la tua caffettiera è di qualsiasi altro tipo, non cercare di cercarla perché non la troverai da nessuna parte.

Un filtro pressurizzato non è altro che un sistema artificiale che viene attaccato al filtro di una macchina espresso e che serve a migliorare la produzione di panna. Di solito sono una seconda maglia -o doppia parete- che copre la maggior parte dei fori di uscita del filtro, oppure direttamente uno strato opaco che lascia liberi solo i fori al centro.

Nell’immagine seguente puoi vedere un filtro pressurizzato. Successivamente puoi vedere la foto di un normale filtro (non pressurizzato) e confrontarli entrambi.

Per una questione puramente fisica, un liquido si muove più velocemente attraverso un canale stretto che attraverso uno largo, così che i filtri pressurizzati alla fine quello che fanno è spingere il caffè verso la tazza con una forza maggiore di un normale filtro (non pressurizzato).

Il risultato: la crema si forma più facilmente e in maggiore quantità, indipendentemente da ogni altro parametro coinvolto nell’estrazione del caffè. Macinatura più grossa del normale, caffè ossidato, chicchi molto duri… tutto passa in secondo piano se abbiamo un filtro pressurizzato nella nostra macchina da caffè, poiché i nostri caffè saranno sempre sormontati da uno strato denso e abbondante di crema di nocciole…

Detto così, i filtri pressurizzati sembrano l’invenzione del secolo, giusto?

Ebbene, la verità è che se sei un fan della panna nel caffè, avere un filtro pressurizzato ti farà divertire. Ma non è meno vero che i filtri pressurizzati hanno anche molti detrattori, al punto da cambiare i filtri della tua macchina da caffè con quelli normali (senza pressurizzazione) se vedono che il risultato non li soddisfa.

Ecco un esempio di un utente che depressurizza il filtro pressurizzato sulla sua caffettiera Delonghi:

Portafiltri pressurizzati

A volte questi sistemi per aumentare la produzione di panna sono integrati non nel filtro (o mestolo) ma nel portafiltro stesso. Si parla quindi di portafiltri pressurizzati.

I portafiltri pressurizzati utilizzano filtri normali, ma producono comunque una quantità di crema maggiore del solito perché sono progettati in anticipo in modo che il caffè defluisca in uscita in un unico punto. Di solito lo fanno per mezzo di un piccolo pezzo di plastica, o valvola, la cui funzione è quella di convogliare tutto il caffè estratto in un unico punto.

Puoi vederlo nell’immagine seguente:

L’uso di un filtro pressurizzato è buono o cattivo?

Abbiamo detto prima che i filtri pressurizzati (o portafiltri) hanno parecchi detrattori. Il motivo è semplice: questi sistemi non migliorano la qualità del caffè, ma sostanzialmente producono una crema sdraiata. La crema risultante dall’utilizzo di un filtro pressurizzato non è opera di una buona estrazione ma semplicemente che il caffè esce con più forza di quanto dovrebbe.

Se di solito bevi solo caffè con latte o latte macchiato, i dettagli della crema non ti interesseranno molto.

Tuttavia, se sei un consumatore di caffè espresso e ti consideri minimamente esigente con il suo sapore, allora dovresti usare filtri non pressurizzati. Anche se non sei un barista professionista e li prepari solo a casa.

Tieni presente che preparare l’espresso non è un processo semplice o meccanico. È un’arte in cui intervengono tante variabili, la cui tecnica si impara a migliorare attraverso la pratica, tentativi ed errori, facendo tanti espressi, assaggiandoli e analizzando le conclusioni.

Uno degli aspetti più importanti che vengono analizzati nella qualità di un espresso è l’aspetto della crema, durante e dopo l’estrazione del caffè.

Se utilizzi un filtro pressurizzato, la crema che vedrai non è quella vera e quindi non ti aiuterà a trarre conclusioni né a migliorare la tua tecnica di preparazione dell’espresso. Avrai molte difficoltà a sapere se un espresso è di buona o cattiva qualità.

Come si usa un filtro pressurizzato?

Ebbene si… se dopo aver letto l’intero articolo siete giunti alla conclusione che il caffè si prepara lo stesso in qualunque tipo di filtro, vi sbagliate di grosso.

Se intendi utilizzare filtri pressurizzati e desideri un espresso decente, devi seguire alcune linee guida.

Come in un filtro pressurizzato il caffè passerà solo per un punto, la resistenza che incontrerà sarà molto più alta che in un normale filtro. Ciò significa che se si utilizza una macinatura molto fine (ideale per l’espresso), la resistenza del flusso del caffè sarà ancora maggiore, quindi… con filtri pressurizzati, si dovrebbe utilizzare una macinatura un po ‘più grossa di quella consigliata.

Proprio uno dei vantaggi dell’utilizzo di filtri pressurizzati è che riescono a produrre una discreta estrazione, e con molta crema, anche se la macinatura non è della finezza adeguata. Ecco perché il suo utilizzo e il suo assemblaggio sono molto diffusi nelle macchine da caffè domestiche: molti utenti cercano semplicemente di ottenere un caffè decente senza dover passare attraverso gli intricati requisiti e obblighi che ha un espresso perfetto (macinatura molto fine, acquisto e utilizzo di un macinacaffè, padronanza di varie tecniche, ecc.).

Di conseguenza, l’uso di filtri pressurizzati è spesso associato a caffè confezionati e pre-macinati che vengono acquistati in qualsiasi supermercato. Se si utilizza questo tipo di caffè – la cui macinatura è solitamente da media a grossa – con un normale filtro… preparatevi a ottenere qualsiasi infusione tranne un espresso in condizioni.

Certo, l’utilizzo di filtri pressurizzati, sebbene consenta di estrarre caffè quando la macinatura o la materia prima non è ottimale… non produrrà mai un espresso di alta qualità. Il consumatore medio lo presume semplicemente.

A destra, filtri pressurizzati. A sinistra, filtri non pressurizzati.

Da parte loro, i filtri non pressurizzati consentono un maggiore controllo di tutte le fasi del processo di estrazione, che si traduce in un espresso di migliore qualità, ma richiede anche maggiori richieste al barista o all’utente.

Ad esempio, se si utilizzano filtri non pressurizzati, è necessario tenere conto che la finezza della macinatura, o la forza della pressatura, avrà un impatto molto maggiore sulla qualità del risultato finale.

Inoltre, l’uso di un filtro non pressurizzato implica avere una buona smerigliatrice elettrica e colpire il millimetro con la finezza della macinatura. Non tutte le macinature funzionano allo stesso modo in qualsiasi caffettiera, quindi dovresti fare dei test fino a scoprire qual è lo spessore di macinatura ideale per estrarre l’espresso con la caffettiera che hai a casa. Di conseguenza, è quasi obbligatorio avere un buon macinino e saperlo usare bene.

Le conclusioni, grosso modo, sarebbero:

  • Filtri pressurizzati – Produce un’estrazione decente anche se le condizioni non sono ottimali. Ma non raggiungeranno mai la stessa qualità di espresso di un filtro non pressurizzato.
  • Filtri non pressurizzati: consentono il controllo di tutti gli aspetti dell’estrazione. È l’unico modo per ottenere un espresso di alta qualità, anche se richiedono anche all’utente di avere determinate conoscenze e abilità.

Foto: Guide2Coffee.com

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.