Caffè

Cos’è l’alluminio anodizzato?

Nel mondo delle stoviglie, è comune trovare due materiali da costruzione di base: alluminio e acciaio inossidabile. Da questi due componenti possiamo trovare una moltitudine di varianti, leghe e composizioni che migliorano le proprietà dei materiali originali. E li rende anche più costosi, tutto è detto.

Abbiamo già discusso sul nostro sito web dell’acciaio inossidabile 18/10 o dell’acciaio WMF Cromargan, per citare alcuni esempi. E oggi è la volta dell’alluminio anodizzato. Se non sai cos’è l’alluminio anodizzato e in cosa consistono i processi di anodizzazione (che parola strana, vero?), Tieni d’occhio queste pagine perché te lo spiegheremo nel modo più semplice possibile.

Cos’è esattamente l’alluminio anodizzato?

Consiste nell’applicare a un pezzo di alluminio un processo di anodizzazione, o anodizzazione. Di conseguenza, otterremo uno strato molto resistente (si chiama allumina, sebbene in realtà sia ossido) completamente integrato sulla superficie originale dell’alluminio. In altre parole, non si esaurirà o si consumerà nel tempo.

Questo strato può essere più o meno spesso e questo determinerà la qualità dell’anodizzazione e la resistenza del pezzo risultante.

In termini più semplici, potremmo dire che con il processo di anodizzazione convertiamo la superficie dell’alluminio in ossido di alluminio.

Proprietà in alluminio anodizzato

L’alluminio anodizzato presenta due vantaggi principali: resistenza e durata.

Lo strato di ossido che si genera dopo il processo di anodizzazione può essere più o meno spesso, e questo ne determinerà la durezza e la resistenza, che sarà sempre superiore a quella dell’alluminio non anodizzato. Quando parliamo di resistenza, ci riferiamo a usura, corrosione e abrasione.

Inoltre, il processo di anodizzazione consente di tingere l’alluminio in qualsiasi colore, dandogli una finitura diversa da quella originariamente fornita.

Un altro vantaggio, più secondario, è la sua facilità di manutenzione: lo strato di ossido protegge tutto l’alluminio sottostante, inoltre rimane inalterato per lungo tempo, senza quasi bisogno di cure.

Usi di alluminio anodizzato

Per le sue proprietà di maggiore durezza e resistenza, l’alluminio anodizzato viene utilizzato principalmente nella costruzione di edifici: finestre, infissi, porte, accessori decorativi, ecc.

Ma, logicamente, il settore che ci interessa e quello che ci interessa di più è quello delle stoviglie e degli utensili per la casa. In questo senso, le parti in alluminio anodizzato, per la loro elevata durabilità, sono fortemente orientate al mercato professionale e all’attività ricettiva. Per la sua durata e anche per il suo prezzo elevato, va detto.

Non è usuale, al momento, trovare caffettiere in alluminio anodizzato. Un materiale così resistente ed esclusivo avrebbe senso solo nelle macchine da caffè manuali che hanno una grande esposizione all’usura, come i moka di fascia alta e le finiture eccellenti, come quelle di Alessi. Sfortunatamente, non è ancora così, ma presumiamo che tutto funzionerà.

Troviamo alcuni accessori in alluminio anodizzato nel nostro settore, come alcune presse da caffè:

Come posso identificare l’alluminio anodizzato?

A prima vista l’alluminio anodizzato si distingue dall’alluminio non trattato grazie ad una pellicola lucida che rimane sulla sua superficie. E, naturalmente, dal suo colore. Se ha una tinta o un colore brillante, è molto probabilmente un pezzo di alluminio anodizzato e non semplicemente laccato o verniciato.

L’alluminio anodizzato si arrugginisce?

No, è totalmente resistente alla ruggine come la conosciamo in acciaio o ferro. Infatti, come abbiamo già spiegato in apertura, il film che si forma sulla superficie dell’alluminio anodizzato è proprio uno strato di ossido che lo protegge. Cioè: non arrugginisce perché è già arrugginito (oltre che protetto).

È possibile anodizzare l’alluminio a casa?

Sì, puoi anodizzare l’alluminio a casa, anche se logicamente non ci si può aspettare che i risultati siano gli stessi di quelli di un professionista o di quelli di una fabbrica. Ovviamente bisogna anche tenere conto del tipo di superficie o utensile in alluminio che intendiamo anodizzare, perché in alcuni casi è consigliabile stare particolarmente attenti anche se abbiamo già esperienza in questo processo.

NOTA: tutti i materiali utilizzati nel processo di anodizzazione dell’alluminio artigianale sono tossici, quindi non utilizzare mai utensili che andrai a mangiare in seguito (cucchiaini, ecc.) Con essi.

Tempo necessario:  1 ora.

I passaggi fondamentali per anodizzare l’alluminio a casa sono i seguenti:

  1. Procurati gli ingredienti e i componenti necessari

    Stai per immergere le tue parti o utensili in alluminio in una soluzione acida… quindi il contenitore o la bacinella che usi per immergerli deve essere robusto, solido, molto resistente. I migliori sono quelli di plastica spessa. Allo stesso modo, avrai bisogno di due guanti molto lunghi e resistenti che coprano almeno l’intero avambraccio. Il resto degli «ingredienti» o articoli di cui hai bisogno sono: un sgrassatore, 2 catodi di piombo abbastanza lunghi, filo di alluminio, acqua distillata, bicarbonato di sodio, acido solforico, candeggina e una batteria o una fonte di alimentazione costante. La tensione minima richiesta è di 20 volt.

  2. Pulisci bene l’alluminio con acqua calda e sapone.

    L’alluminio deve essere completamente privo di impurità e sporco prima di essere anodizzato. Non dimenticare di asciugarlo!

  3. Una volta pulito, rimuovere tutte le tracce di oli e grassi che il pezzo può avere.

    Per questo è necessario applicare il prodotto sgrassante che abbiamo indicato nella prima fase.

  4. Rimuoviamo ogni eventuale resto di anodizzazione presente sul pezzo.

    Per questo useremo una soluzione di candeggina. Le proporzioni di riferimento sono: 3 cucchiai di candeggina in 4 litri di acqua distillata.

  5. Prepariamo il generatore per l’anodizzazione

    Il cavo positivo del generatore va collegato ad un cavo che pende dal pezzo di alluminio che andremo ad anodizzare. Il filo negativo andrà a un filo di alluminio collegato a sua volta ai due catodi di piombo

  6. Leghiamo saldamente il filo di alluminio a un’estremità del pezzo che andremo ad anodizzare.

    Se non riesci a legarlo, avvolgi o avvolgi il filo attorno al pezzo. Qui dipenderà dalla forma del pezzo o dell’utensile.

  7. Posiziona una doga o una tavola di legno sopra il contenitore di plastica dove intingerai l’alluminio.

    L’idea è di avvolgere l’estremità del cavo di alluminio che hai legato al pezzo nel passaggio precedente alla tavola di legno. In questo modo puoi alzare o abbassare la tavola per inserire ed estrarre il pezzo di alluminio dall’acido. Fare dei test prima di aggiungere l’acido, nel caso sia necessario accorciare o allungare il cavo.

  8. Posizioniamo i due catodi di piombo a ciascuna estremità del contenitore di plastica.

    È necessario collegare un po ‘del filo di alluminio tra i due catodi e questo set a sua volta collegarlo alla piccola tavola di legno. La cosa più importante è che non ci sia mai contatto tra il filo di alluminio che trattiene il pezzo ei due catodi di piombo.

  9. Serviamo l’acido all’interno del contenitore

    Dovresti usare la stessa quantità di acido solforico dell’acqua distillata (soluzione al 50%). Versare prima l’acqua, poi l’acido, sempre in quest’ordine. L’importo totale sarà più o meno a seconda delle dimensioni del pezzo che andrete ad anodizzare, che dovrà essere totalmente sommerso. Ricordati di proteggerti bene e arieggiare il più possibile la stanza dove lavori!

  10. Infine, colleghiamo i cavi alla fonte di alimentazione.

    Dobbiamo collegare il filo del pezzo di alluminio alla sorgente di carica positiva e il filo dei catodi di piombo alla sorgente negativa.

  11. Accendiamo la fonte di alimentazione! Se possibile, fallo in modo fluido e progressivo.

    Se lo fai troppo all’improvviso puoi bruciare i cavi di alluminio. È necessario mantenere la sorgente collegata fornendo alimentazione costantemente per almeno 45 minuti.

  12. Spegniamo la fonte di alimentazione, rimuoviamo con cura il pezzo (usando la tavola di legno) e lo laviamo bene con acqua distillata.

E non abbiamo approfondito questo argomento, ma è anche possibile sfruttare la procedura di anodizzazione per tingere l’alluminio con qualsiasi colore. Sapevi che è così che Apple ha colorato i suoi iPod luminosi e colorati?

Come puoi vedere, l’ anodizzazione dell’alluminio in casa è un processo che comporta alcuni pericoli e che non consigliamo mai di fare se non abbiamo le strutture e i materiali appropriati, oltre a proteggerci adeguatamente per tutta la durata del lavoro.

L’alluminio anodizzato è adatto alla cottura?

Certo, infatti, uno degli utilizzi principali dell’alluminio anodizzato è negli utensili da cucina e nelle diverse finiture degli elettrodomestici. Abbiamo già parlato di alcuni esempi sul nostro sito, come le pentole All Clad. Non sappiamo ancora delle caffettiere in alluminio anodizzato, ma forse qualche produttore si rallegrerà presto.


Alcuni dei contenuti di questa pagina provengono da Amazon. I prezzi e la disponibilità dei tuoi prodotti vengono aggiornati ogni 24 ore e sono soggetti a modifiche. Se decidi di acquistare qualcosa, verranno sempre applicate le informazioni su prezzo e disponibilità che appaiono su Amazon al momento dell’acquisto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.