Caffè

Caffè per piante

Ci sono molti modi per riutilizzare i fondi di caffè, e uno dei più sostenibili è senza dubbio quello di utilizzare il caffè come fertilizzante per le piante. Gli utenti che considerano il riciclaggio in questo modo arrivano sempre alla prima domanda: il caffè fa bene alle piante? Quali sono i vantaggi di utilizzare il caffè come fertilizzante per le piante?

In questo articolo cercheremo di chiarire alcuni aspetti del rapporto tra caffè e piante, e passeremo in rassegna anche alcune idee per riutilizzare quei fondi di caffè o caffè usato per le tue piante.

Il caffè fa bene alle piante?

Il concime vegetale del caffè è stato utilizzato da tempo immemorabile, principalmente perché è un elemento naturale e quindi suscettibile di mescolarsi con i nutrienti del terreno. Le sue proprietà si trasmettono alla terra e le piante che vi coltiviamo possono beneficiarne. Tutto dipende, sì, dal tipo di pianta e dallo stato in cui si trova il caffè.

Il caffè per fertilizzare le piante può essere utilizzato principalmente in quattro modi:

  • Caffè macinato per piante (non utilizzato).
  • Fondi di caffè per piante (caffè macinato, ma usato).
  • Caffè liquido (proprio come quello che beviamo).
  • Miscelazione manuale del caffè con il compost.

Vantaggi del fertilizzante per piante di caffè

Le piante di caffè da concimare presentano i seguenti vantaggi comprovati per il terriccio o i vasi da giardino biologici:

  • È buono per i tuoi amici del giardino: i lombrichi. Ovviamente sempre in piccole quantità.
  • È dannoso per i nemici del tuo giardino: lumache, lumache, vermi e altri invertebrati che possono mangiare le tue piante.
  • Le sostanze nutritive e minerali naturali del caffè arricchiscono il terreno mescolandosi con esso. Soprattutto l’azoto, elemento fondamentale per la crescita.

Caffè macinato per piante

Il caffè macinato come fertilizzante per piante è una soluzione ideale perché racchiude tutte le proprietà benefiche del caffè per piante che abbiamo recensito prima, ed è molto facile da disperdere senza creare grumi o strati spessi. L’unico problema è il prezzo e l’innaturalità di utilizzare un prodotto concepito e realizzato per il consumo umano nel tuo giardino.

Per questo motivo è più pratico e sostenibile utilizzare i resti delle estrazioni (o fondi di caffè) come fertilizzante per le proprie piante.

Fondi di caffè per piante

La differenza essenziale tra caffè macinato e fondi è che questi ultimi hanno subito il processo di infusione, filtrazione o preparazione del caffè. I vantaggi dell’utilizzo del caffè usato per le piante sono essenzialmente due: azoto e minerali. Ed è che i fondi di caffè per le piante contengono fino al 10% di azoto, essenziale per la crescita, nella sua composizione.

Se riesci a raccogliere una grande quantità di fondi di caffè, avrai un ottimo compost naturale per il tuo giardino ed eviterai la necessità di acquistare e aggiungere compost convenzionale.

Il modo di utilizzo è molto semplice: versare i fondi di caffè intorno alle piante, avendo cura di mantenerne sempre uno strato sottile (mai troppo spesso). Se si forma uno strato molto spesso di caffè, il caffè potrebbe compattarsi e quindi non permetterà all’acqua o ai nutrienti di passare alle radici delle piante.

Infine, se vuoi realizzare un pratico concime liquido al caffè, devi semplicemente prendere i fondi e diluirli in acqua durante la notte. Quindi lo usi il giorno successivo come qualsiasi altro fertilizzante: mediante irrigazione mediante applicazione diretta sulla pianta. Questa soluzione, sebbene più laboriosa, è meno acida (meno aggressiva, quindi) rispetto all’utilizzo diretto del caffè liquido.

In generale, i fondi di caffè sono buoni per le piante. Qualcosa di leggermente diverso da quello che succede se usiamo il caffè liquido (così come lo beviamo) e prendiamo i fondi rimanenti dall’estrazione…

Caffè liquido per piante

Il caffè liquido fa bene a tutte le piante? Beh no. Alcuni lo tollerano, ma in altri può essere dannoso. Ti suggeriamo che se hai intenzione di utilizzare caffè liquido sulle piante, ti informi prima se la tua specie lo tollererà e, naturalmente, in caso di dubbio, non fare nulla.

Possiamo usare solo caffè liquido su piante acidofile: cioè quelle che per crescere necessitano di terreno acido.

Modalità d’uso: una tazzina di caffè alla settimana è più che sufficiente. In caso contrario, il danno potrebbe essere irreparabile.

Il grosso problema con il caffè liquido nelle piante è che il processo di infusione aumenta notevolmente la sua acidità. Non esiste una regola fissa, poiché diversi tipi di infuso di caffè producono diversi gradi di acidità, ma in generale è sempre consigliabile diluirlo in acqua (più è meglio è) se si desidera utilizzare il caffè liquido come fertilizzante per le proprie piante.

Compost caffè

Infine, un altro modo per sfruttare i resti del caffè per fertilizzare le piante è utilizzarli come una miscela di compost naturale. Se fai già il tuo compost, puoi arricchirlo versando i fondi di caffè che ti rimangono. Esalterai le sue qualità e arricchirai il compost nello stesso modo in cui arricchisci la terra se lo versi direttamente nel terreno.

Certo, se usi il caffè per il compost devi seguire una semplice regola: il caffè non deve mai superare il 20% del compost totale.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.