Caffè

Cos’è il caffè turco e come si beve?

Uno dei posti che devi visitare almeno una volta nella vita è la Turchia. E uno dei caffè che devi provare nella tua vita è il tipico caffè lì,  il caffè turco (che puoi ordinare come  türk kahvesi, pronunciato più o meno “turk kahavesse”, inalando l’ascia intervallata). Non sai cos’è il caffè turco? Beh, non è un caffè normale, non è un caffè come lo immagini e devi anche stare un po ‘attento quando lo bevi.

Di cosa abbiamo bisogno per preparare il caffè turco?

Avremo bisogno dei seguenti utensili per preparare un buon caffè turco:

  • cezve(pronunciato qualcosa come «yessve»). Si tratta di una caffettiera in metallo, a forma di barattolo con un manico molto allungato (per non scottarci), e che serve anche per decantare la miscela una volta cotta. Possiamo usare le modalità elettriche o alcune versioni del cezveche hanno  meno glamour ma che possiamo mettere perfettamente sopra il piano cottura in vetroceramica. Per i greci e rumeni questo utensile ha un altro nome:  briki. Pronunciata così com’è.
    Se non vuoi complicarti la vita: usa  una casseruola. Chiunque. Nella nostra guida alle caffettiere turche troverai numerose opzioni.
  • Caffè Arabica. È la varietà di caffè che usano lì (se ti chiedi perché, pensi al suo nome?). Caffè naturale, per favore; non arrostito. Dovremo tostare un po ‘i chicchi di caffè prima di macinarlo. Ci sono anche esportatori e produttori che vendono caffè pre-macinato.
  • Un macinino per trasformare i chicchi di caffè Arabica in una polvere che ha una consistenza simile a quella dello zucchero a velo. Se una smerigliatrice elettricapuoi macinare piccoli semi (come i semi di lino) puoi macinare perfettamente il caffè a quella consistenza. È molto importante che non ci siano grandi fondi : ricorda che il caffè turco  non filtra.
  • Coppe. Il  türk kahvesi si prende in tazzine, che originariamente non avevano il manico (oggi non è raro trovarle con esso) e che avrebbero le dimensioni di un espresso italiano, ovvero un solo caffè che potremmo bere in Italia. Hanno il nome di fattoria. Se non hanno una maniglia, vengono inseriti in un dispositivo metallico chiamato  zarf.
  • Acqua. In qualcosa devi infondere il tema. Useremo le tazze per misurare. Importante: useremo sia acqua bollente che fredda.

Come viene preparato il caffè turco?

  1. Facciamo bollire tante tazze d’acqua quanti ceniamo. Misura con una delle tazze che utilizzerai. Useremo lo stesso  cezve, ma puoi accelerare il processo usando un bollitore elettrico. Naturalmente, il cezve deve essere in fiamme; è dove elaboreremo tutto.
  2. Se hai intenzione di usare lo zucchero, lo metteremo ora. Non possiamo mettere lo zucchero dopo. Pensa quanto ti piace dolce. Lo mettiamo e mescoliamo finché non si dissolve. Il caffè con lo zucchero viene solitamente chiamato «caffè da donna» e senza zucchero, «caffè da uomo».
  3. Versiamo il caffè: da uno a due cucchiaini (di caffè) per tazza. Il caffè deve essere macinato fresco, oppure se maciniamo  molto contemporaneamente, dobbiamo conservarlo ermeticamente o sottovuoto.
  4. Quando bolle per la prima volta, togliamo il  cezve dal fuoco e distribuiamo la schiuma nelle tazze nel modo più uniforme possibile. Torniamo al fuoco.
  5. Quando bolle per la seconda volta, abbassiamo la fiamma al minimo e teniamo il caffè per un altro paio di minuti.
  6. Quando andiamo a servirlo, aggiungiamo uno o due cucchiai di acqua fredda in modo che i fondi vadano sul fondo, e  serviamo il caffè senza filtrare.
  7. Lo accompagneremo con un bicchiere di acqua fredda (alcuni lo bevono prima, e alcuni lo bevono dopo per mantenere la bocca pulita dopo il caffè). Se hai delizie turche (lokum), usale per accompagnare questo caffè; Sarà fantastico.

Qual è il rito del caffè turco?

Il caffè viene servito in tazze molto piccole appena fuori dal fuoco e non dovremmo aspettare troppo a lungo per berlo. Non vuoi che si raffreddi. Va anche sorseggiato: ricorda che il caffè non è stato filtrato. In effetti, dovremmo smettere di bere caffè nel momento in cui notiamo  più fondi del necessario in bocca.

Se abbiamo ospiti nella nostra casa, sarà un buon segno che offriamo prima il caffè all’ospite. Se questo ospite è anche il fidanzato di una ragazza, il caffè deve essere preparato dalla sposa. A volte mette il sale al posto dello zucchero; se lo prende  senza dubbio, sarà ben considerato dalla famiglia della ragazza. C’è anche chi sputa nella tazza. Sai già come possono diventare le tradizioni.

È anche comune prendere il caffè dopo cena e al mattino, ma non a colazione. È preso in modo intercambiabile in qualsiasi momento della giornata. È anche comune, soprattutto se bevi il caffè  tra i turchi, e in particolare se c’è una ragazza, che usano i motivi per  leggere il futuro. Quello che fanno è mettere il piattino sopra la tazza e capovolgerlo, per leggere  cosa è attaccato alla tazza. È comune per loro dire  «non credere a ciò che vedi, ma non smettere nemmeno di farlo». È comune nell’area anatolica.

Infine voglio darti un consiglio personale. Per favore, non fare la stronza come me. Al buffet dell’hotel dove ho soggiornato durante la mia ultima vacanza a Bursa, ho commesso l’errore di versarmi un’enorme tazza di caffè che pensavo sarebbe stata come la nostra, e ho concluso  con una busta di zucchero. Dopo aver aggiunto lo zucchero,  ho mescolato la tazza. Si è formato una specie di  fango  che non poteva bere in alcun modo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.