Caffè

Come funziona una caffettiera a capsule?

Vuoi sapere come funziona una caffettiera a capsule? Questo tipo di macchina da caffè ha una manovrabilità così semplice per l’utente, che possiamo cadere nell’errore di pensare che il suo funzionamento interno sia altrettanto piatto. Tuttavia, una macchina da caffè a capsule funziona più o meno in modo molto simile a come  fanno le macchine da caffè espresso: abbiamo una confezione compatta di caffè macinato, attraverso il quale la macchina da caffè inietta acqua ad alta pressione, che fa versare immediatamente la bevanda nella nostra tazza. Il processo è molto veloce e richiede solo pochi secondi.

La differenza fondamentale con le macchine espresso è che in queste ultime il caffè macinato deve essere servito da noi in anticipo, sia nel portafiltro che nel macinino che queste macchine possono avere integrato. Al contrario, nelle macchine da caffè a capsule, il caffè è già compattato all’interno della capsula, e non possiamo determinarne la dose, la miscela, la pressatura o altro. È tutto molto più automatico.

Detto così, in poche righe, il processo sembra semplice… ma se guardiamo dentro le macchine da caffè, vedremo che il meccanismo ha la sua complessità.

In questo report vogliamo mostrarvi come funziona una caffettiera a capsule, quali sono i componenti interni che la rendono possibile e quale funzione ha ciascuna di esse.

Per cominciare, e come curiosità, qui vi lasciamo il fantastico documento che è servito da riferimento per preparare questo articolo: il brevetto originale Kraft Foods per il design di una caffettiera Tassimo, che risale al 2005.

Diritti della foto: brevetto US7673558

Il disegno è molto schematico ma riassume perfettamente quello che troveremo aprendo una caffettiera a capsule e ispezionandone l’interno dal retro.

Di seguito illustriamo brevemente quali parti sono numerate, in modo da comprendere meglio il disegno:

  • 225 è la caldaia per riscaldare l’acqua.
  • 230 è la pompa che preleva l’acqua dalla vasca e la invia alla caldaia per riscaldarla.
  • 220 è il serbatoio dell’acqua.
  • 235 è il compressore d’aria.
  • 250 è l’ugello dell’iniettore attraverso il quale esce l’acqua, passa attraverso la capsula e il risultato viene versato.
  • 201 è il processore di controllo centrale… in altre parole, è il componente elettronico che garantisce che tutti gli altri elementi funzionino all’unisono e in modo corretto.
  • Infine, il numero 263 che compare nel disegno originale è semplicemente un condotto interno progettato per la comunicazione e la circolazione dell’acqua all’interno della caffettiera.

Queste sono le budella di una caffettiera Dolce Gusto Piccolo. Diritti foto: MercadoLibre.com.

Componenti di una caffettiera a capsule

Estrapolando quel design Kraft preistorico fino ai giorni nostri, possiamo elencare i seguenti componenti di base che ogni caffettiera a capsule ha:

  • Un serbatoio d’acqua. Normalmente varia tra 0,6 litri e 1,5 litri di capacità. Qui è dove versiamo l’acqua che servirà per preparare il caffè. (1)
  • Una pompa che fa circolare l’acqua attraverso i tubi interni della caffettiera. La pompa preleva l’acqua dal serbatoio e la invia alla caldaia. Successivamente viaggia dalla caldaia verso l’esterno. Facendo una similitudine con il nostro organismo, la pompa sarebbe come il  cuore della nostra caffettiera. (2)
  • Una  caldaia o un sistema di riscaldamento dell’acqua. Se non lo facesse, i caffè non sarebbero caldi. Nelle macchine da caffè a capsule, il più comune è utilizzare il sistema Thermoblock. (3)
  • Una pompa a pressione, situata appena prima di iniettare l’acqua nella capsula. Normalmente sono 15 bar o 19 bar, ed è ciò che fa passare l’acqua calda attraverso il caffè nella capsula ad alta velocità. (4)
  • Un iniettore  attraverso il quale fuoriesce acqua ad alta pressione. L’iniettore perfora la capsula, in modo che l’acqua attraversi l’interno della capsula ed esca dall’estremità inferiore della capsula allegramente trasformata in caffè. (5)

E lo schema di funzionamento finale di una caffettiera a capsule, visto di profilo, è molto simile a quest’altro disegno:

Diritti foto: ExplainThatStuff

In questo diagramma, i passaggi da (1) a (5) sono quelli che abbiamo già spiegato nel paragrafo precedente. Quelle contrassegnate con i numeri (6) e (7) si riferiscono semplicemente al servizio del caffè dalla capsula alla tazza.

Come già sapete, oltre a questa basilare modalità di funzionamento, esistono modelli di macchine da caffè che incorporano alcuni elementi aggiuntivi, come i tubi per il vapore del latte (nel caso della  Nespresso Lattissima), o specifici vani per la conservazione del latte (come  Senseo Latte. Cappuccino). Non li dettagliamo in questo articolo perché riteniamo che non fanno parte del normale e basilare funzionamento di una caffettiera a capsule.

Distinzioni: tipi di capsule

Sebbene tutte le macchine a capsule funzionino allo stesso modo, ognuna utilizza un diverso sistema di capsule. Dolce Gusto ha le sue capsule, Nespresso le sue, Tassimo le sue, Illy, Lavazza … la stessa cosa succede con tutte. E le capsule di una marca non sono valide per la caffettiera di un’altra: hanno dimensioni diverse, pesi diversi e talvolta metodi diversi per riconoscerle dalla caffettiera. Questo è scomodo per il consumatore, anche se ha senso dal punto di vista del marchio… in questo modo mettono al sicuro il business e inducono le persone a comprare le proprie capsule con la forza.

All’interno di ogni sistema sono presenti anche capsule compatibili o ricaricabili, che rimangono uniche per una data azienda (ci sono capsule compatibili Dolce Gusto, capsule compatibili per Nespresso, ecc.) Ma quantomeno danno la possibilità al consumatore di risparmiare o di provare varietà nuove.

In questa immagine, quella a destra è una capsula Nespresso e quella a sinistra è una capsula Dolce Gusto. Le differenze sono evidenti, non credi?

Manutenzione e pulizia di macchine da caffè a capsule

La manutenzione di base di una caffettiera a capsule si riduce praticamente alla periodica disincrostazione e alla pulizia generale sia della vasca che dell’ugello che serve il caffè. Questo è uno dei grandi vantaggi delle macchine da caffè a capsule: di solito sono più pulite e più facili da mantenere rispetto ad altre.

La decalcificazione è il processo più importante e devi eseguirlo ogni tanto. La sua frequenza dipende da due fattori: l’uso della caffettiera e la durezza dell’acqua che utilizzi. Più volte al giorno usi la tua caffettiera, più spesso dovrai decalcificarla. E più è dura anche l’acqua con cui prepari i tuoi caffè.

Per darvi un’idea: nel migliore dei casi (acqua dolce e poco utilizzo della macchina del caffè) sarà sufficiente decalcificarla ogni 18 o 24 mesi. Al contrario, se usi acqua dura e consumi 3 o 4 capsule al giorno, dovresti disincrostare la tua caffettiera almeno ogni 3 mesi.

Consulta le nostre guide sulla rimozione del calcare per informazioni più precise sulla rimozione del calcare da macchine per caffè di marche specifiche e le nostre guide  per la pulizia per suggerimenti e trucchi utili che prolungheranno la durata della tua caffettiera a capsule.

NOTA: Per una maggiore sicurezza, consultare sempre le istruzioni della macchina per sapere esattamente quando iniziare il processo di rimozione del calcare. Alcune macchine da caffè, come la Tassimo, includono di serie un allarme anticalcare che avvisa automaticamente quando è il momento di decalcificare.


Alcuni dei contenuti di questa pagina provengono da Amazon. I prezzi e la disponibilità dei tuoi prodotti vengono aggiornati ogni 24 ore e sono soggetti a modifiche. Se decidi di acquistare qualcosa, verranno sempre applicate le informazioni su prezzo e disponibilità che appaiono su Amazon al momento dell’acquisto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.