Caffè

Come scegliere un macinacaffè?

Molti utenti scelgono di macinare il caffè da soli, nonostante l’enorme varietà di caffè macinati e miscele vendute oggi nei supermercati e nei negozi specializzati. Qual è il motivo? Perché sprecare tempo e denaro nello svolgimento di un processo qualcosa che puoi già fare?

Ebbene, molto semplice: la purezza e la freschezza del caffè appena macinato non ha eguali, non importa quanto sia perfetto il sistema di confezionamento che ci vendono. Il caffè, una volta macinato, rilascia diversi gas e quindi non può essere confezionato immediatamente. Questo tempo di attesa forzato è ciò che fa sì che il caffè macinato confezionato perda sempre proprietà e sfumature rispetto all’originale appena macinato.

Non apprezzerai mai le stesse sfumature e aromi nel tuo caffè di quando lo hai appena macinato. Sii sicuro. Quindi, per collocarci, non dimentichiamo mai questa massima: il processo di macinatura è fondamentale e critico nella qualità finale del caffè che andremo a preparare.

Quando si sceglie il macinacaffè più adatto per la propria casa, è necessario essere chiari su diversi aspetti. Da un lato quali tipi di macinacaffè esistono e, dall’altro, quale tipo di macinatura è necessario ottenere per preparare i caffè in casa. Non è un compito facile, soprattutto se stiamo per acquistare il nostro primo macinino, per questo abbiamo pensato di preparare questa guida all’acquisto per aiutarti a scegliere il macinino più adatto alle tue esigenze.

Quali tipi di smerigliatrici esistono?

Se vuoi saperne di più sui diversi tipi di macinacaffè, li spieghiamo tutti in modo più dettagliato nella nostra pagina per l’acquisto dei macinacaffè. Qui faremo solo un breve riassunto. In generale, possiamo determinare tre tipi di smerigliatrici:

  • Macinacoltelli: sono più economici e veloci dei macinacaffè, ma in generale non sono i più consigliati per la macinazione del caffè. Le lame distruggono i fagioli (non li schiacciano), non ci permettono di definire lo spessore della macinatura in una processione, e dobbiamo anche azionarle con attenzione perché le lame possono facilmente surriscaldarsi, e finire per intaccare il gusto del caffè. Vale la pena spendere un po ‘di più e acquistare una mola, a meno che non abbiamo requisiti sulla qualità della molatura.
  • Mole elettriche: le mole (che possono essere di due tipi, piatte o coniche) pressano e macinano i chicchi di caffè in modo uniforme. Inoltre, consentono di selezionare con precisione lo spessore della macinatura, più fine o più densa, cosa fondamentale poiché, come vedremo, ogni tipo di caffè richiede uno spessore di macinatura diverso. Le smerigliatrici elettriche mettono in moto le ruote tramite un interruttore, che si fermerà quando lo riterremo opportuno. Sono più precisi e si riscaldano molto meno delle lame. Sono anche più costosi, ovviamente, anche se se hai un bell’aspetto puoi farlo con una buona smerigliatrice elettrica per pochi soldi  o una smerigliatrice di seconda mano. Il mercato dei macinacaffè di seconda mano è molto attivo, in quanto sono prodotti di straordinaria durata.
  • Mole manuali: le mole funzionano esattamente come quelle elettriche, ma invece di avere un motore, dobbiamo azionarle manualmente ruotando una manovella. Sono più tradizionali ma anche più lenti delle smerigliatrici elettriche.

Un sistema di mole, se lo guardiamo dall’alto, si presenta più o meno così:

Quello che vedi nell’immagine è la mola inferiore della smerigliatrice. La mola superiore è stata rimossa per la pulizia (e così possiamo vedere qualcosa nella foto).

Oltre a questa suddivisione di base, le mole vengono ulteriormente suddivise in più gruppi a seconda dei componenti che comprendono. Possiamo quindi trovare mole piane o mole coniche, mole con o senza dispenser e così via. Importante è anche il materiale delle ruote: quelle in acciaio inox saranno sempre più resistenti e riscalderanno meno di quelle in alluminio.

Come puoi vedere, il problema del surriscaldamento è qualcosa di ricorrente. Dobbiamo evitarlo a tutti i costi, poiché non solo mette a rischio la durata del nostro macinacaffè, ma influisce anche sul gusto finale della nostra bevanda (i coltivatori di caffè sono molto più interessati alla seconda che alla prima).

In sintesi, scegli il macinacaffè in base alle tue esigenze e al tuo budget (puoi sempre consultare le liste dei macinini economici), sempre tenendo conto delle linee guida che ti abbiamo spiegato in questo articolo. Se vuoi conoscere più in dettaglio le diverse tipologie di macinacaffè, insistiamo, dai  un’occhiata qui.

 Hai già scelto che tipo di macinacaffè desideri? Ok, ora devi valutare un altro parametro: di che macinatura avrai bisogno per i caffè che andrai a preparare.

Quando parliamo di spessore o finezza della macinatura, parliamo dello spessore delle particelle che otteniamo dopo aver macinato il caffè. Quindi, possiamo riferirci a caffè macinato fine, ultrafine, medio o grosso… e non c’è nessuno migliore di un altro. È necessaria una macinatura per ogni tipo di caffè, come vediamo in questo articolo: tipi di macinatura, uno spessore per ogni caffè. In generale, possiamo riassumerlo nel seguente elenco:

  • Le macchine da caffè espresso necessitano di una macinatura molto fine.
  • Le caffettiere a goccia richiedono un mezzo di macinazione.
  • Il caffè o la moka italiani hanno bisogno di una macinata medio fine. Mai così bene come espresso.
  • Stantuffo, o macchina da caffè francese, funziona solo con caffè macinati grossolani.

Come seleziono lo spessore di macinatura per ogni utilizzo?

Fondamentalmente i mulini ci forniscono due metodi per scegliere lo spessore della macina: il metodo manuale e il metodo con le scale.

Nel metodo a scala, il macinino include già una serie di gradi o scale predefinite, che determinano inequivocabilmente la macinatura che andremo a ottenere. Ad esempio, ci sono mulini con 9 gradi di macinazione, con 12, con 15 o con 40. Più preciso è il macinino, maggiori saranno i gradi di macinatura che offrirà. In genere, il grado 1 corrisponde alla macinatura migliore e il grado più alto corrisponde a quello più spesso.

Ecco un esempio di una smerigliatrice elettrica con un selettore di 10 gradi o spessore di macinazione:

Il metodo manuale permette all’utente di determinare in modo millimetrico la distanza tra le due mole della smerigliatrice (normalmente quella inferiore è fissa, e quella che possiamo spostare è quella superiore). Ovviamente questo metodo offre maggiore libertà, ma richiede all’utente di avere molto più controllo e conoscenza sull’elettrodomestico che sta utilizzando e sul caffè che preparerà in seguito.

Qualunque sia lo spessore che scegli, ricordati di assicurarti che, soprattutto ai livelli più fini, il macinino soddisfi le tue aspettative. Vale a dire: potresti aver bisogno di una macinatura ultrafine per preparare un espresso, ma poi usi il grado più fine del tuo macinino e non è abbastanza fine. In alcuni casi, la potenza della smerigliatrice è importante! Ovviamente le smerigliatrici più potenti in grado di ottenere la macinatura più fine sono anche le più costose.

E finora i nostri consigli per la scelta di un macinacaffè. Speriamo che ti aiutino e chiariscano le incognite che sicuramente ti assaliranno nel decidere un acquisto così importante per la qualità dei tuoi caffè.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.