Caffè

Macchine da caffè e capsule di caffè: sono sicure?

Parliamo di sicurezza e salute, un tema che ci riguarda tutti – o dovremmo – e che è spesso minacciato da notizie o da tendenze di opinione infondate.

Uno di loro punta direttamente alle macchine da caffècapsule  (approfittando del fatto che sono molto di moda negli ultimi anni) e ne mette in dubbio la sicurezza e il livello di salute.

Per negare ciò, un gruppo di ricercatori spagnoli ha condotto un esperimento e ha pubblicato le proprie conclusioni in uno studio che ha avuto un impatto considerevole sui media.

Puoi leggere lo studio completo (in inglese) pubblicato qui:

Formazione batterica nelle macchine da caffè domestiche -Articolo su Nature.com

Lo studio, basato sulla sperimentazione con dieci macchine da caffè Nespresso utilizzate nell’arco di un anno, non lascia spazio a dubbi: le macchine da caffè a capsule non presentano problemi di salute diversi da quelli di qualsiasi altro tipo di macchina da caffè.

Dall’analisi di queste dieci macchine da caffè, alcune utilizzate in un ambiente domestico (pochi utenti) e altre in un ufficio (molte utenze diverse), i ricercatori hanno analizzato i residui di caffè accumulatisi nel tempo ed hanno estratto la sequenza del DNA del stesso.

Questo grafico, tratto dallo studio, mostra quali organismi sono stati trovati e in quali luoghi nella caffettiera. Gli scienziati lo chiamano profilo batteriologico.

Secondo questo studio, la maggior quantità di batteri può accumularsi nello scomparto di raccolta dei rifiuti o nelle capsule usate. È uno spazio, quindi, che non dovremmo solo svuotare ma pulire frequentemente. Ed evitare il contatto diretto con i liquidi che troviamo lì. Per precauzione, i ricercatori consigliano di lavarsi sempre le mani dopo aver pulito questi serbatoi di capsule usate.

Un’altra conclusione molto interessante, rivela Manuel Porcar (direttore del team di ricercatori) è che la quantità di batteri e microrganismi presenti nei resti di caffè non varia sostanzialmente con il numero di utilizzi della caffettiera.

“Il tipo e la quantità di batteri non differiscono a seconda del numero di caffè che la macchina fa. Un brodo simile è stato rilevato in tutte le macchine da caffè, costituito da caffè diluito da capsule gocciolanti e acqua ”.

Cioè, dobbiamo prestare la stessa attenzione alla pulizia di una caffettiera molto usata, di quella che usiamo solo di tanto in tanto. La possibilità di formazione di batteri è simile in entrambi i casi.

La tabella seguente mostra i modelli specifici di macchine da caffè Nespresso che i ricercatori hanno utilizzato nello studio:

Nella colonna di destra (Utilizzo) è possibile vedere dove è stata utilizzata la caffettiera (in un’abitazione privata, sul posto di lavoro o in un luogo pubblico con più utenti). Ricordiamo che il campionamento dell’esperimento è durato un anno. Come possiamo vedere, sono state utilizzate le più famose macchine da caffè Nespresso, presenti nella maggior parte delle case spagnole: la Essenza, la Inissia, la CitiZ o la Pixie.

Le macchine da caffè in capsule sono sicure? Certo che si. Almeno sicuro come altre macchine da caffè. Le caffettiere a capsule sono completamente sicure (e salubri), ei batteri possono crescere solo se li lasciamo a lungo senza pulirli, senza raccogliere i residui, o senza sciacquare i componenti che sono a contatto con il latte o i resti del latte capsule usate. Niente di cui preoccuparsi, se seguiamo linee guida di pulizia normali e minime.

Le capsule di caffè sono sicure?

D’altronde, oltre alla sicurezza delle macchine da caffè, negli ultimi anni è diventato molto di moda anche il dibattito sui presunti elementi cancerogeni che le capsule di caffè possono contenere.

Queste affermazioni sulle capsule di caffè cancerogene possono essere definite solo sensazionali e sono già state confutate da molte fonti. L’unica spiegazione è sfruttare tendenze o prodotti che vanno di moda (come è successo con il boom delle capsule di caffè), e generare attenzione sociale diffondendo bufale di questo tipo.

Vi lasciamo un link della OCU, per completare la lettura:  La bufala delle capsule di caffè cancerogene – OCU

Come puoi vedere, la stessa OCU è stata incaricata di negare tali sciocchezze con argomenti clamorosi (molto basilari per noi, ma a volte sconosciuti al grande pubblico) relativi alla pressione a cui agiscono le macchine da caffè e ai materiali da cui il caffè macchine sono fatte capsule.

Non sono stati vietati in Germania, né le capsule di caffè provocano il cancro, né contengono sostanze che danneggiano la salute o qualcosa del genere. Tutto questo è una bugia diffusa su Internet.

È vero, sebbene non abbia nulla a che fare con questa falsa diceria, che il caffè contiene un elemento, il furano, che si è rivelato potenzialmente cancerogeno in determinate quantità, e in esperimenti con animali da laboratorio. Ma il furano compare durante il processo di tostatura del caffè, e quindi può essere presente sia in capsule che in chicchi di caffè o caffè macinato. Infatti non è esclusivo del caffè… lo troviamo nelle carni fritte, nei toast, nelle patatine fritte… e in generale in qualsiasi alimento che possa essere arrostito o sottoposto a processi a temperature molto elevate. È un componente chimico e liquido, che appare naturalmente.

È anche vero che le capsule di caffè, essendo chiuse ermeticamente, impediscono l’evaporazione e la dissipazione naturale di questi elementi chimici, ed è per questo che possono trattenere una quantità maggiore di furani rispetto al caffè confezionato in aria.

Ma attenzione: nessuno si allarmi. George Clooney può stare tranquillo.

I livelli di furano presenti nel caffè tostato sono lungi dall’essere dannosi per la salute. Per iniziare ad essere considerato pericoloso, secondo questi studi (che potete consultare qui: studi sulla concentrazione di furani nel caffè), una persona dovrebbe bere circa 30 tazze di caffè ogni giorno. E in quel caso, forse la caffeina e altri eccessi dovrebbero preoccuparti ancora di più del furano.

Quindi… prima di tutto tranquillità, buon cibo e buone informazioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.